13 aprile 2018

Convegno: "Le sfide del Management e della Leadership"

Il giorno sabato 21 aprile 2018, alle ore 10,00, si terrà il Convegno "Le sfide del Management e della Leadership". 
L'evento, organizzato da CAFRE Università di Pisa, SoIS Società Italiana di Sociologia, PortLabs, DICI, Cdl Ingegnereria Gestionale dell'Università di Pisa, si terrà presso la Scuola di Ingegneria della stessa Università.

14 marzo 2018

Seminari sulle Normative legate alle Politiche sociali


A Palermo un ciclo di seminari di Aggiornamento Professionale sulle Normative legate alle Politiche Sociali. 
Gli incontri si terranno presso la sede del coordinamento "H", Via Belgio 4/D, Palermo.

Corso di formazione: Nuove misure e strumenti di inclusione attiva e contrasto alla povertà


Si terrà nei giorni 23/24/25 marzo 2018 il Corso di formazione: Nuove misure e strumenti di inclusione attiva e contrasto alla povertà. 
Il corso, organizzato da Meters - Studi e ricerche per il sociale, avrà sede nei locali del Teatro Polifunzionale "Anche Cinema", in Via Corso Italia 122, Bari.

25 febbraio 2018

Razza e dintorni: la voce unita degli antropologi italiani

 Per noi antropologi c’è un dato di fatto, che è una qualità e una ricchezza imprescindibile e degna di essere indagata: la diversità biologica e culturale degli esseri umani. Essa attraversa i gruppi e differenzia gli individui al loro interno. Grazie a tale multiforme diversità, la nostra specie, Homo sapiens, è riuscita ad adattarsi e a prosperare in ambienti molto differenti e ad alimentare quella creatività che caratterizza gli esseri umani in quanto esseri sociali. Gli individui, con i loro geni e le loro istanze culturali, si sono incontrati e confrontati fin dalle nostre origini, dando vita a forme di umanità plurali, diversificate, in continua evoluzione e trasformazione. Nulla di più errato, quindi, che pensare l’umanità reificata in gruppi dati una volta per tutte; insiemi irrigiditi e incapaci a sviluppare forme di convivenza, scambio e condivisione. Ma qual è la reale entità e il significato della diversità? Studiandola, abbiamo capito che le differenze genetiche tra gli individui sono in realtà molto meno pronunciate e strutturate di quanto si possa percepire guardando semplicemente al colore della loro pelle, alle diverse abitudini e abilità o ascoltando le loro lingue. Così come, non vi sono basi ereditarie che giustificano l’esistenza di “gerarchie sociali” basate su supposte ineguaglianze cognitive o comportamentali tra gruppi umani. Al contempo, le diversità culturali rimandano a una selva di somiglianze piuttosto che a una tragica serie di muri e barriere.
 Gli antropologi (biologici e culturali) condannano, pertanto, qualsiasi uso strumentale di categorie che sono al tempo stesso prive di fondatezza dal punto di vista genetico e potenzialmente discriminatorie, quali le “razze umane” o le “culture essenzializzate” (ovvero intese come unità definite e rigide), nel discorso scientifico, in quello pubblico e nelle pratiche sociali.

22 gennaio 2018

I Presidenti e i Consigli Direttivi delle seguenti Associazioni e Società Scientifiche:
AAI (Associazione Antropologica Italiana)
SIAC (Società Italiana di Antropologia Culturale)
ANPIA (Associazione Nazionale Professionale Italiana di Antropologia)
ISItA (Istituto Italiano di Antropologia)
SIAA (Società Italiana di Antropologia Applicata)
SIAM (Società Italiana di Antropologia Medica)
SIMBDEA (Società Italiana per la Museografia e i Beni Demoetnoantropologici)

25 dicembre 2017

Cambio COORDINATE BANCARIE

Per un rinnovo del sistema informatico della  Banca di appoggio della Società Italiana di Sociologia si avvisano i soci e coloro che ne sono interessati che sono cambiate le Coordinate Bancarie.
di seguito:
NUOVE COORDINATE BANCARIE (codice IBAN):
 IT37N0501803200000012360699 - SOCIETA' ITALIANA DI SOCIOLOGIA

Auguri 2017


12 dicembre 2017

Norma UNI 11695:2017 Attività professionali non regolamentate - Sociologo - Requisiti di conoscenza, abilità e competenza

Pubblicata la Norma UNI11695:2017 “Attività professionali non regolamentate - Sociologo - Requisiti di conoscenza, abilità e competenza”.
UNI: La norma definisce i requisiti relativi all’attività professionale del Sociologo, ossia la figura professionale che studia, osserva, rileva e analizza fenomeni, processi, strutture e sistemi sociali, ne interpreta il loro manifestarsi, nei diversi aspetti di persistenza e mutamento, attraverso la costruzione e l’utilizzo di specifici indicatori e di modelli descrittivi, esplicativi e di simulazione, a vario livello di generalizzabilità e applicabilità. Anche in accordo con altre figure professionali, il Sociologo:
a) ricostruisce nessi casuali, formula ipotesi probabilistiche, descrive effetti e scenari che derivano dalla combinazione di persistenze e mutamenti (per esempio, innovazioni, riforme, politiche e interventi), nei diversi contesti e ambiti di azione sociale;
b) progetta e rende operativi strumenti di monitoraggio e valutazione del disegno di ricerca, nonché della attuazione, nei diversi contesti di riferimento, di riforme, politiche e interventi che incidono sugli assetti delle strutture organizzative e sulla qualità della vita degli attori che in esse operano.
Detti requisiti sono specificati, a partire dai compiti e attività specifiche identificati, in termini di conoscenza, abilità e competenza in conformità al Quadro europeo delle qualifiche (European Qualifications Framework - EDF) e sono espressi in maniera tale da agevolare e contribuire a rendere omogenei, per quanto possibile, i processi di valutazione e convalida dei risultati dell'apprendimento.
Nella presente norma detta figura è articolata in due livelli professionali: Sociologo di base (vedere punto 3.10) e Sociologo Specialista (vedere punto 3.11).